GardaMusei

L'obiettivo dell'associazione, di cui il Vittoriale è capofila, è quello di offrire una programmazione annuale continuativa realizzando un circuito di iniziative culturali.


GardaMusei

«Dando per scontato il vecchio adagio per cui l’unione fa la forza, dimostreremo che la cultura dà ricchezza, e che la ricchezza dà cultura».
Parola di Giordano Bruno Guerri, presidente del Vittoriale, nel presentare la nuova associazione Garda Musei.

 

 

Le tre sponde del lago di Garda – lombarda, veneta e trentina – accolgono ogni anno oltre 24 milioni di visitatori da aprile a ottobre: questi luoghi di immensa bellezza rappresentano il terzo polo turistico italiano ma non tutti sanno che il territorio dispone anche di un ineguagliabile patrimonio culturale. Per valorizzare questo prezioso capitale è nata l’idea di costituire una rete tra istituzioni pubbliche e private ratificata il 21 ottobre 2015 in GardaMusei.
Ai fondatori si sono aggiunti, in breve tempo, importanti realtà pubbliche e private, operanti nel settore culturale, turistico e commerciale del lago di Garda e non solo. GardaMusei continua così a stringere nuove alleanze e a creare progetti condivisi per migliorare l’offerta, realizzare una comunicazione comune, una biglietteria con pacchetti di visite a tariffe scontate, accrescere il flusso turistico in tutte le stagioni e promuovere l’idea che il Garda è un luogo ideale per vacanze colte. Le sponde del lago di Garda diventano, così, il volano per ideare, progettare, coordinare i cosiddetti “sviluppatori e acceleratori culturali”, ossia validi strumenti di capitalizzazione delle risorse e peculiarità più rappresentative dei territori di riferimento il cui denominatore comune è la propensione alla “grande bellezza”.  Numerose sono le potenzialità che questo territorio offre attraverso paesaggi mozzafiato, storia, arte, prodotti enogastronomici con una rosa di Comuni e musei di spicco che aumentano l’interesse turistico, accrescendone l’importanza a livello nazionale e internazionale.

L’iniziale dimensione gardesana ha oggi superato i confini territoriali, in linea con i risultati delle ricerche condotte da Federalberghi per cui per ogni euro investito in ambito culturale ne tornano
sette al territorio, di cui quattro alle strutture ricettive e turistiche (alberghi e ristoranti). Capofila di GardaMusei è il Vittoriale degli Italiani, storica residenza del poeta Gabriele d’Annunzio che, grazie alla propria identità storica, culturale, turistica, ambientale e internazionale, è riuscita in tempi brevissimi a catalizzare interesse e adesioni.
L’obiettivo di questa associazione è quello di offrire una programmazione annuale continuativa realizzando un circuito di iniziative culturali, turistiche, ambientali, enogastronomiche, di marketing territoriale sostenute da canali multimediali condivisi.

I risultati già raggiunti dimostrano come GardaMusei sia una realtà di ampio respiro, con una costante sinergia tra realtà e soggetti istituzionali pubblici e privati; un incubatore di idee e
progetti senza confini temporali né geografici, la cui validità e forza risiede proprio nell’annullamento dei confini geografici.
GardaMusei lavora su e per il territorio e continua a crescere giorno dopo giorno attraverso collaborazioni e accordi nazionali e internazionali già stipulati e in via di definizione.

 

 

Vai al sito GardaMusei